All'asilo, fra ascoltare una fiaba o disegnare sceglievo sempre la seconda opzione. Ma non si trattava di una dote naturale: le maestre raccontavano sempre la stessa storia.
E male.